Business

I vincitori del Premio Best Practices di Confindustria Salerno

Annunciati i vincitori del prestigioso premio che incentiva startup e pmi creando un network di relazioni che consentono loro di crescere

Immaginate di poter fare un elettrocardiogramma solo appoggiando lo smartphone sul petto, di poter avere una culla che inizia muoversi automaticamente quando l’app del cellulare rileva il bimbo sveglio o ancora di poter camminare su mattonelle elettroniche che fanno risparmiare soldi producendo energia col solo “potere” del calpestio. Sembrano immagini di un film di fantascienza ma la realtà spesso supera l’immaginazione. Lo dimostra il Premio Best Practices, organizzato da Confindustria Salerno, che ha messo a confronto e, in competizione tra loro, alcune tra le più innovative aziende del panorama nazionale. A vincerlo alla fine sono l’Acca Software di Avellino, e per la categoria startup, una giovane impresa di Bari, Cinemagica.

La prima con una piattaforma che promette di rivoluzionare il lavoro nei cantieri edili attraverso la gestione condivisa di dati e informazioni tecniche, la seconda con un sistema di virtual reality che permette di “vivere” in tre dimensioni i video e i live streaming. Idee potenzialmente “rivoluzionarie” ne lavoro e nella vita di tutti i giorni, come tante se ne sentono nella avveniristica stazione marittima salernitana, famosa per essere stata progettata dall’archistar di origine iraniana Zaha Hadid.

Ottantandue manager di aziende e start up provenienti da 11 regioni si alternano  al microfono nella due giorni. Il tutto mentre, alla porta a fianco, i giovani studenti dell’Università di Salerno si danno battaglia a suon di progetti innovativi nella sala Hackathon. Sono cinquanta e poco sanno di gestione del personale o di logistica. Eppure raccolgono senza timore la sfida proposta da Sellalab: riuscire a realizzare nel giro di 48 ore le soluzioni informatiche richieste da due aziende sponsor, Softlab e  Transitalia, rispettivamente per la selezione dei curriculum e per la gestione delle cartelle carburanti e rimborsi. La presentazione dei progetti davanti alla platea formata da imprenditori ed esperti del settore per ragazzi vale quanto la vittoria finale che alla fine viene attribuita ai gruppi di lavoro Soft talent e Trans Smart.

Ma torniamo al premio vero e proprio. Di proposte innovative, dicevamo, se ne sentono tantissime. Quella del cellulare che fa l’elettrocardiogramma nasce dallo studio di un’azienda potentina, Medea, che ha sviluppato un software di monitoraggio in tempo reale del ritmo cardiaco. Telecom l’ha premiata inserendola nel proprio asset distributivo, insieme a Nuceria Group di Salerno, vincitrice con un app che sfrutta la tecnologia della realtà aumentata per innovare il packaging dei prodotti alimentari.

Proviene invece da Aversa (Na) l’idea di sfruttare il battito cardiaco come “interruttore” per attivare funzioni di apparecchi esterni (ad esempio il movimento di una culla). L’ha sviluppata HeartSwitch, che viene premiata come start up nella categoria Web. Esce senza premi ma con molti applausi WalkOn che a Salerno vorrebbe lastricare le stradine del centro con speciali mattoni di gomma in grado di convertire, attraverso un’apparecchiatura elettronica, il moto cinetico dei passanti in elettricità.

Nella graduatoria generale stilata dal comitato scientifico del Premio si posizionano al secondo posto in ex equo la Smilesys Spa di Milano, con un nuovo sistema per l’apertura e la richiusura delle vaschette top in plastica 100% riciclabile, e la Inci.Flex  di Salerno, con un innovativo modulo che riduce da nove fasi ad una l’intero processo produttivo delle lastre flessografiche limitando al minimo l’intervento umano.

Altra proposta interessante è quella di Ram Elettronica di Andria (Bt) che attraverso un sistema di individuazione e scarto automatico del prodotto imperfetto risolve un problema sentito da molti pastifici. L’azienda pugliese si posiziona al terzo posto insieme alla conterranea Eurosoft di Bari, produttrice di un software per la gestione del laboratorio di controllo qualità presso il Laboratorio Centrale della Granarolo Spa.

Alla fine tra le aziende premiate ci sono nella categoria dedicata alle start up anche l’abruzzese LF System e la salernitana Softmining seconde, la Difly di Reggio Emilia ed Authentico di Napoli, terze.

Tra i partner Banca Sella sceglie Acca Software per la sezione imprese e Nanotech Liposomes di Salerno e Domec di Milano per la sezione “UpStart Paolo Traci”. A tutte offrirà servizi di consulenza specialistica in materia di Finanza di Impresa e 3 mesi di coworking gratuito nella sede del SellaLab più vicina.  Il Premio Web, sezione imprese, va invece a Dasir Tech e per le startup alla già citata Hearth Switch.

“Siamo molto felici per l’esito della manifestazione – sottolinea Edoardo Gisolfi, presidente del Gruppo Servizi Innovativi e Tecnologici di Confindustria Salerno – Nel corso della due giorni abbiamo registrato una partecipazione di oltre mille persone provenienti da tutta Italia. Inoltre, migliaia di persone hanno seguito il premio sui canali social ufficiali, Facebook e YouTube. Non è stato facile scegliere un progetto vincitore. Negli anni il livello qualitativo dei partecipanti si è alzato molto. Un’altra nota positiva è stato l’hackathon, che ha visto la partecipazione di circa 50 studenti dell’Università. La parola d’ordine, ancora una volta, è stata contaminazione. Anche grazie al Premio, Salerno sta diventando un riferimento nel Mezzogiorno per quanto concerne l’innovazione.”

 

Ecco tutti i premi e le motivazioni

 

PREMIO SPECIALE CTS

1)    GENOMix4life (Salerno)

Per aver proposto un progetto che, una volta sviluppato, sarà in grado mediante una nuova metodologia, di identificare le mutazioni genetiche che causano lo sviluppo e la progressione dei tumori. Un progetto che potrebbe avere importanti ricadute scientifiche ed economiche.

PREMIO IMPRESE

1)    ACCA Software (Avellino)

Per la capacità di apportare un significativo cambiamento al modello di filiera dell’edilizia. Acca Software ha sviluppato un sistema che prevede una piattaforma collaborativa usBIM, dotata di tecnologie per il flusso informativo dei dati.

2)    Smilesys Spa (Milano)

Premiata perché ha migliorato il sistema per la chiusura delle vaschette top in plastica, integrando la sostenibilità ambientale di un film sigillante in PET con la praticità di un coperchio richiudibile.

Ex aequo

Inci.Flex  (Salerno)

Per aver ideato e realizzato il sistema Easy to Plate Four, il primo modulo completamente automatizzato per la realizzazione di lastre flesso grafiche. Un progetto che risponde efficacemente alle nuove sfide del mercato.

3)    RAM Elettronica (Andria – Bt)

Premiata perché ha sviluppato un sistema innovativo capace di rilevare le imperfezioni nella produzione della pasta. Grazie a questo progetto sarà possibile garantire un controllo del 100 per cento del prodotto, senza rallentare la produzione.

Ex aequo

Eurosoft  (Bari)

Premiata per “Cloud Laboratory Informatics”, progetto che ha prodotto numerosi vantaggi, quali validazione e rintracciabilità dei dati, per il laboratorio Centrale della Granarolo, la più importante filiera italiana del latte. Un’esperienza che potrà essere adottata da altre importanti industrie alimentari.

PREMI COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

1)    CINEMAGICA (BARI)

Con la diffusione dei social network e di piattaforme come YouTube, i video sono diventati parte integrante della nostra vita. Cinemagica ha sviluppato un progetto finalizzato a rendere l’esperienza dell’utente- spettatore sempre più emozionante e coinvolgente grazie alle tecnologie Virtual Reality a 360 gradi.

 2)    LF System (ABRUZZO)

È molto frequente che in caso di terremoti, frane, alluvioni ed esplosioni, le porte rimangano incastrate. Per questo motivo, la tecnologia anti incastro brevettata da LF System, e la sua porta sismica certificata, potrebbero salvare numerose vite umane in caso di calamità.

EX aEQUO

SOFTMINING di STEFANO PIOTTO (SALERNO)

Per un progetto che mira a migliorare, mediante l’utilizzo di sofisticate tecniche di calcolo,  l’efficienza e la precisione con la quale si può valutare la potenziale tossicità di una molecola. Le sue soluzioni innovative si rivolgono alle case farmaceutiche.

3)    DIFLY (REGGIO EMILIA)

Per aver progettato e brevettato Elysia, un innovativo drone con alimentazione fotovoltaica ed altissima autonomia di volo capace di svolgere un gran numero di funzioni: videosorveglianza, ricerca dispersi, controllo inquinamento marino e costiero, monitoraggio salute gasdotti.

EX aEQUO

AUTHENTICO (NAPOLI)

Il fenomeno della contraffazione di prodotti agroalimentari all’estero registra numeri sempre più elevati. Authentico ha sviluppato un’app gratuita per gli smartphone capace di aiutare i consumatori a riconoscere gli autentici Made In Italy.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

To Top