Tecnologia

Un premio da 5 milioni per soluzioni che impieghino blockchain

Il primo evento in Italia sulla blockchain e le sue applicazioni in ambito non finanziario, organizzato da Nesta Italia, Città di Torino e Università di Torino a cui partecipano istituzioni ed esperti internazionali

Un premio di 5 milioni di euro, promosso dalla Commissione Europea per sviluppare soluzioni innovative, efficienti e ad alto impatto sociale utilizzando la tecnologia della blockchain. Si è aperto con questa call l’evento “Blockchian for Social Good”, il primo in Italia per importanza e caratura dei relatori, che ha riunito politici, ricercatori, startup, rappresentanti del mondo accademico e delle fondazioni intorno al tema della blockchain e delle sue potenziali applicazioni in campo sociale, organizzato da Nesta Italia, Città di Torino, e Università di Torino, in collaborazione con Commissione Europea, Città di Milano, UK Government Science and Innovation Network in Italy, Open Incet, Consorzio TOP-IX e Boosting Social Innovation.

Il concorso è aperto a tutti, privati, enti giuridici, organizzazioni internazionali e il premio verrà assegnato (alla chiusura del concorso, indicativamente a fine 2019) al concorrente che, secondo il giudizio della giuria, dimostrerà di aver trovato una soluzione innovativa alle sfide della sostenibilità globale e locale, che produca un cambiamento sociale positivo attraverso l’applicazione della blockchain e che soddisfi al meglio alcuni criteri cumulativi, tra cui: alto impatto sociale (ovvero quali comunità e quanti utenti verranno effettivamente coinvolti), trasparenza del processo, fattibilità e fruibilità, convenienza (non solo come costi, ma anche come consumo di risorse energetiche), affidabilità, sicurezza e sostenibilità ambientale.

Dopo il lancio del premio sono stati presentati alcuni esempi di successo di applicazioni della blockchain nelle città e si sono alternati diversi dibattiti e approfondimenti sulla blockchain ai quali hanno preso parte: Guido Boella (Università di Torino), Andrea Bracciali (Docente, Università di Stirling), Marcella Atzori (Consulente per la Blockchain e Coordinatore internazionale, TrustedChain), Vinay Gupta (Blockchain Fellow, Digital Catapult), Alessandro Lombardi (Digital Transformation Advisor di Microsoft), Leonardo Camiciotti, Direttore esecutivo del Consorzio TOP-IX., Francesca Bria (Chief Technology and Digital Innovation Officer, Comune di Barcellona), Paola Pisano (Assessore all’Innovazione e Smart City, Città di Torino), Cristina Tajani (Assessore alle Politiche del lavoro, Attività produttive, Commercio e Risorse umane, Comune di Milano), Fabrizio Sestini (Senior Expert for Social Digital Innovation, DG) e Marco Zappalorto, Direttore di Nesta Italia.

Proprio Nesta Italia, nata da una collaborazione fra Nesta, fondazione filantropica di portata globale con sede a Londra, e la Compagnia di San Paolo, una delle maggiori fondazioni private in Europa, ha prodotto un vademecum divulgativo che spiega cos’è la Blockchain e quali sono le sue applicazioni in ambito non finanziario.

La blockchain (“catena a blocchi”) ha caratteristiche innovative che rappresentano una sorta di vera e propria rivoluzione – paragonabile a quella dei social network sulle relazioni interpersonali – e sta gettando le basi per la crescita economica del prossimo secolo, non solo nel settore economico e finanziario (dov’è ampiamente impiegata per tenere traccia delle transazioni), ma nella società nel suo complesso. Fondamentalmente, la blockchain è una tecnologia (più correttamente un nuovo paradigma per la gestione delle informazioni) che permette la creazione e gestione di un grande database (come quelli utilizzati da Facebook, Twitter, Uber o come i registri condivisi utilizzati dai servizi sanitari, le forze di polizia, le banche) per la gestione di transazioni condivise da tutte le parti che operano all’interno di una “rete distribuita” di computer, eliminando definitivamente la necessità di un controllo da terze parti “fidate”. Oltre ai settori finanziario, economico e bancario, la blockchain può trovare applicazioni anche in altri ambiti, tra cui: l’assicurativo, dei pagamenti digitali, l’agroalimentare, nell’Industria  4.0, nella pubblica amministrazione, nella sanità, nel retail, nell’ambito degli aiuti umanitari, nella registrazione di atti notarili e molti altri. Fino a oggi sono stati investiti nella blockchain (attraverso il finanziamento di oltre 120 startup collegate allo sviluppo e applicazione di questa tecnologia) circa 1 miliardo di dollari, il 70% dei quali fuori dall’Europa, continente in cui l’Inghilterra è il Paese capofila.

“Siamo orgogliosi di essere tra i promotori dell’evento Blockchain for Social Good, primo in Italia di questa portata e di grande importanza e attrazione per esperti e istituzioni internazionali – afferma Marco Zappalorto, Direttore di Nesta Italia -. Come Nesta stiamo seguendo ormai da qualche anno gli sviluppi e il potenziale di questa tecnologia e nei primi mesi della nostra attività in Italia ci impegneremo a valutare le applicazioni della blockchain che possano avere un impatto sociale positivo.”

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

To Top