Business

RE/MAX, nuovo quartier generale a Milano

Il colosso dell’immobiliare punta forte sul capoluogo lombardo. Acquistato un edificio da 1.800 metri quadri

Dove c’era Cartier oggi c’è RE/MAX. Il palazzo di via Vittorio Locchi 3 a Milano, già sede di Richemont, ora è il nuovo quartier generale RE/MAX Italia. Che, seguendo una scia avviata negli ultimi anni dai principali investitori internazionali, ha puntato tutto sul capoluogo lombardo: «Milano sta vivendo un momento magico ed è arrivato il momento di comprare», ha spiegato il fondatore e presidente di Remax Italia, Dario Castiglia, durante la presentazione del nuovo building.

Il palazzo, acquistato da Locchi, società veicolo detenuta al 100% da BNP Paribas Real Estate Property Development Italy, si sviluppa su quattro piani fuori terra, per un totale di 1.800 metri quadri di uffici, e due piani interrati che ospitano le sale riunioni, la sala meeting e l’aula corsi RE/MAX University. Proximm (Remax Italia) è stata assistita da MCM Avvocati di Milano per gli aspetti legali, dallo Studio Faraone di Milano per gli aspetti fiscali e da Unicredit Leasing e REAG-Real Estate Advisory di Milano per gli aspetti di natura tecnica. L’atto di compravendita è stato redatto e registrato dallo Studio Notarile Caruso e Andreatini di Milano.

Al piano terra sono state realizzate 5 sale riunioni ed un’area ristoro, il primo piano ospita gli uffici della Presidenza e la sala dedicata alla firma dei contratti di affiliazione in franchising, che si affaccia sull’ampia reception a doppia altezza, sita al piano terreno.

Gli uffici posti ai 3 piani superiori ospitano lo staff operativo RE/MAX Italia suddiviso per dipartimenti; gli uffici di RE/MAX Corporate, la divisione che si occupa di Servizi di intermediazione immobiliare per Grandi Clienti, e quelli di Money-Max, società partecipata al 51% da RE/MAX Italia che opera nell’ambito della promozione ed erogazione di prestiti personali Agos.

Il gruppo immobiliare ha lasciato dunque la storica sede di Agrate Brianza, che lo ha visto nascere nel 1996. «In questi 21 anni la nostra vision non è mai cambiata – ha dichiarato Castiglia al taglio del nastro – Volevamo rivoluzionare il mercato della mediazione immobiliare in franchising passando dall’affiliazione all’associazione. Direi che ci siamo riusciti, ma non è ancora finita. Questo non è solo un immobile di rappresentanza, ma un edificio che ci permetterà di offrire ai nostri affiliati un servizio sempre più completo».

RE/MAX Italia ha chiuso il primo semestre 2017 con un fatturato aggregato del network di 22,65 milioni di euro (+ 15.65% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente). Il piano di sviluppo della rete, che attualmente conta 345 agenzie per un totale di 2.341 affiliati che condividono gli spazi, prevede l’incremento di questi ultimi di almeno 400 unità entro la fine dell’anno.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

To Top