Uncategorized

Nizza Monferrato, nuovo laboratorio didattico premiato al Mad For Science 2017

Investiti i 60mila euro messi in palio da DiaSorin. A breve annunciata la nuova edizione del concorso per il 2018

Dalla proclamazione del liceo vincitore al giorno dell’inaugurazione saranno trascorsi solo 191 giorni. Il tempo necessario per concludere l’anno accademico e far partire i lavori per l’implementazione del nuovo laboratorio d’istituto, trasformando un sogno in realtà.

È stato infatti inaugurato sabato 18 novembre a Nizza Monferrato il nuovo laboratorio didattico scientifico dell’IIS Nicola Pellati (indirizzo liceo scientifico Galileo Galilei), ampliato ed ammodernato grazie al premio di 60mila euro che l’Istituto si è aggiudicato lo scorso 11 maggio, vincendo la prima edizione del concorso Mad for Science, l’iniziativa promossa da DiaSorin tra tutti i Licei Scientifici della Regione Piemonte.

Il Liceo ha vinto grazie ad un innovativo progetto, presentato dagli studenti Simone Vespa, Andrea Avertano, Mihaela Gjorgjieva, Davide Pregno, Paolo Rolando e Davide Gallizio, coadiuvati dal prof.  Antonio Potenza, il cui elemento caratterizzante è lo studio dei lieviti viticolo enologici, in un contesto territoriale, quello di Nizza Monferrato, dove la produzione dei vini e tutto ciò che è legato ad essi definisce l’attività economica prevalente.

Il laboratorio permetterà di valorizzare e sviluppare gli studi sul lievito, il “modello sperimentale” su cui organizzare le diverse esperienze didattiche che spazieranno dalla microbiologia di Pasteur e la validità delle tecniche classiche di isolamento ed identificazione dei microorganismi, alle recenti tecniche basate su PCR e sequenziamento del DNA. I lieviti dell’habitat viticolo-enologico saranno quindi il trait-d’union del progetto laboratoriale che sarà comunque integrato, in alcune tappe del percorso, con ulteriori esperienze inerenti all’argomento scientifico trattato.

“L’idea di partecipare al concorso Mad for Science è partita dalla professoressa Lovisolo, che l’ha proposta al prof. Potenza come un momento in cui la di lui pregressa esperienza di laboratorista avrebbe potuto essere messa a buon frutto. Il Prof. Potenza ha contattato il CREA, Centro Ricerche Enologiche di Asti, che ci ha supportato per la redazione del progetto e ci fornirà ancora assistenza tecnica e formazione, e man mano ha coinvolto gli studenti, formando una squadra che comprendeva ragazzi di diversa età, in modo da assicurare la massima partecipazione e una prospettiva di continuità. Dopo la vittoria al concorso, il nostro lavoro è continuato e altri studenti si stanno formando per partecipare al lavoro, il fronte dell’impegno si sta allargando anche ad altre materie, ad esempio con una squadra che curerà la gestione informatizzata del laboratorio. Anche le ditte del territorio stanno incominciando a collaborare: siamo stati contattati da varie aziende agricole ed enotecniche, alcuni, come la Pero Zuccheri, ci hanno fatto avere donazioni che ci permetteranno ulteriori sviluppi” ricorda Matelda Lupori, Dirigente Scolastico IIS Nicola Pellati di Nizza Monferrato.

“Di tutto questo posso solo ringraziare la DiaSorin, che ha avuto un’idea che potrà veramente incidere sulla formazione delle future generazioni. Il territorio dell’Asti Sud è anche Territorio Unesco, sito Patrimonio dell’Umanità e l’esperienza particolarissima che gli studenti dell’Istituto Pellati e del Liceo Galilei potranno fare avrà anche influenza sul loro futuro lavorativo e sull’immagine che il territorio potrà proporre all’esterno. Ma prima di tutto voglio ringraziare il prof. Potenza, perché l’entusiasmo con cui ha affrontato questa impegnativa sfida si sta diffondendo, sta stimolando tutta la scuola e sta dando a me, che la dirigo, occasione di grande orgoglio” ha concluso.

“Vorrei ringraziare prima di tutto DiaSorin per quello che ha fatto, permettendoci di realizzare un sogno. Abbiamo realizzato quello che diversamente non avremmo mai potuto fare… “spiega Antonio Potenza. “La forza del nostro progetto risiede nel fatto di esserci focalizzati su un aspetto che rappresenta per il territorio Nicese il cuore dell’economia. Proporre ai ragazzi l’arte della scienza, ponendo quesiti che hanno un forte legame con il territorio, è un modo interessante per coinvolgerli, cercando risposte a domande, attraverso la pratica dell’esperimento, come ci ha insegnato il padre che ha dato i natali alla scienza: Galileo Ci piace sottolineare come l’idea progettuale si pone come valido esempio del superamento della rottura tra la scienza classica e la Natura. Il progetto è innovativo poiché i ragazzi apprenderanno le tecniche di laboratorio di biologia classica, quelle di Pasteur, alle nuove tecnologie di biologia molecolare, compreso l’utilizzo della PCR. La preziosa collaborazione con CREA centro di ricerca di viticoltura ed enologia aggiunge freschezza scientifica. I docenti del dipartimento di scienze seguiranno un percorso di formazione, finalizzato all’ apprendimento dell’utilizzo della nuova strumentazione”.

“Essere riusciti in questo progetto e portare a compimento anche l’intervento di adeguamento della struttura liceale è motivo di grande orgoglio, sia come cittadini di questa regione sia come imprenditori che vogliono restituire al territorio e alla comunità sociale opportunità di studio, ricerca e crescita personale e professionale” ha sottolineato Gustavo Denegri, Presidente DiaSorin.

La prima edizione del concorso Mad for Science ha visto la partecipazione di 44 licei scientifici della regione Piemonte, che si sono messi in gioco per vincere i 60mila euro messi in palio per l’implementazione del laboratorio didattico scientifico esistente a partire dall’anno scolastico 2017-2018.

Per l’anno a venire il concorso sarà riproposto con delle novità, perseguendo ad ogni modo l’obiettivo di sensibilizzare i giovani studenti verso le opportunità professionali che le scienze e le tecnologie offrono sia in Italia che nel resto del mondo.

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

To Top