Energia

E’ la piccola Singapore la capitale mondiale dell’industria dell’acqua

La necessità aguzza l’ingegno. Essendo una piccola isola senza sorgenti, con riserve idriche limitate, una popolazione in rapida crescita e un’economia in espansione, non dovrebbe stupire che Singapore sia diventata un leader globale nella tecnologia di riciclo e conservazione dell’acqua.

E’ quanto rileva Pictet Asset Management in un suo studio.

Un ulteriore motivo di impegno è dato dalla dipendenza da un singolo fornitore per l’importazione dell’acqua, la Malesia. Questo espone il Paese a tensioni diplomatiche.

Di conseguenza, Singapore è determinata a raggiungere l’autosufficienza idrica entro il 2060, un anno prima che scada il trattato per l’importazione dell’acqua stipulato con la Malesia. La città-stato può dare l’esempio ad altre regioni afflitte dalla carenza idrica. Per questo motivo è stata scelta come destinazione per una visita di ricerca condotta dai membri del Pictet-Water Advisory Board (il comitato consultivo del fondo Pictet-Water), il cui compito è quello di fornire pareri al nostro team di investimento sulle più recenti tendenze e novità nel settore idrico.

Pictet Asset Management SA, 60 route des Acacias, 1211 Ginevra 73.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

To Top