Startup

L-move, la community di esperti che “risolve problemi”

Immaginate di avere un problema aziendale e non saper risolverlo. Così decidete di rivolgervi a un gruppo di professionisti che possono darvi suggerimenti e consigli. È questo uno degli obiettivi di L-move, startup milanese che vuole fare da ponte tra le idee di business e una community preselezionata di 200 esperti (nei settori tech, finance, insurance) desiderosi di mettere le loro competenze  e le loro soluzioni al servizio di imprese o privati. L-move non è un LinkedIn più elitario, ma è una startup che vuole creare interconnessioni tra diverse figure professionali.

“Siamo ancora in fase embrionale, ci stiamo costituendo ora legalmente – racconta Robert Ballante, community manager di L-move – Inizieremo dopo l’estate a cercare qualche investitore attraverso canali privilegiati come il Rotary o Il Sole 24 Ore. Faremo tutto, almeno inizialmente, per via privata, senza passare per banche o advisor. Ci siamo posti l’obiettivo di raggiungere una cifra tra i 50 e i 100.000 euro”.

Una volta completata la prima fase di raccolta fondi, L-Move potrà concentrarsi sulla seconda parte del suo piano di sviluppo, ovvero rivolgersi alle PMI per l’outsourcing di tematiche relative alla Ricerca e Sviluppo. Il meccanismo sarà simile a quello attuale: le aziende sottoporranno sulla piattaforma un problema e chi lo risolve riceverà un premio. I 200 esperti vengono selezionati principalmente tramite LinkedIn. Al momento circa il 40% di loro ha conseguito o sta conseguendo l’MBA del Politecnico di Milano. È il caso di Felipe Aguilera, managing partner della start-up, che ha coinvolto “colleghi” di master. Si è così creato un circolo virtuoso in cui gli aspiranti professionisti vengono selezionati e invitati a fare parte della piattaforma di L-Move attraverso i loro curriculum.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top