Business

Angel sempre più “rosa” e investimenti in crescita

Secondo la Survey IBAN 2016 aumenta la componente femminile tra i business angel. Crescono anche – del 20% – gli investimenti

 

Investimenti degli “angel” in crescita di quasi il 20% e una presenza femminile sempre più costante. È quanto emerge dalla Survey IBAN 2016, la consueta analisi sul mercato dell’angel investing condotta dal professor Vincenzo Capizzi della SDA Bocconi e presentata il 26 giugno scorso a Milano. Nell’indagine si legge che gli investimenti sono cresciuti fino a 24,4 milioni provenienti da 52 soggetti emittenti, rispetto ai 20,9% del 2015. Le donne business angel sono arrivate al 23% del totale del campione. L’ammontare medio degli investimenti è di 479.000 euro, con il 78% finalizzato all’acquisto di equity e il 22% al finanziamento dei soci. I settori che hanno beneficiato maggiormente del finanziamento sono ICT, Sanità e apparecchiature medicali, seguiti da Fintech e Media Entertainment. L’ultima “fotografia” restituita dall’indagine riguarda la modalità di investimento: gli angel, nel 71% dei casi, preferiscono unirsi in cordate per aumentare l’apporto finanziario e ridurre il rischio.

“Il mercato angel in Italia ha ormai raggiunto un livello di maturità, probabilmente anche a causa delle poche exit, assestatosi su volumi che viaggiano intorno ai 20 / 25 milioni di euro. I business angel, sempre più, si uniscono in syndacation e fanno da traino per investimenti venture ben più consistenti”, ha dichiarato Paolo Anselmo, Presidente di IBAN. “Dalla ricerca emerge anche un segnale molto positivo, ovvero la presenza sempre più consistente di donne tra i business angel. A questo proposito, per individuare le azioni necessarie per coinvolgere un sempre maggior numero di donne l’Associazione IBAN, insieme ad altri sette partner attivi in Europa, sta gestendo un importante progetto WA4E – Women Angels for Europe’s Entrepreneurs – coordinato da Business Angel Europe e sostenuto e finanziato dall’Unione Europea, di cui presenteremo i risultati nei prossimi mesi”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top