Internet

Acquistare tecnologia online costa il 20% in meno

In occasione della giornata mondiale del risparmio, secondo un’analisi di Pagomeno, i più accorti al denaro sono gli uomini

Italiani popolo di risparmiatori o, meglio, di consumatori smart che non rinunciano all’ultimo smartphone ma lo acquistano dopo attenta comparazione e solo dopo aver trovato il prezzo più conveniente. Secondo un’analisi condotta da Pagomeno, il comparatore di prezzi e prodotti di Schibsted Italy, confrontare i prezzi online permette un risparmio medio del 20% * e addirittura del 40% su specifiche categorie merceologiche.

Dai più gettonati smartphone (-21%) ai fitness tracker (-20%) e alle action cam (-16%), dall’ultimo oggetto del desiderio in cucina come l’estrattore di succo (-10%) all’elettronica a misura di bambino (-13%), fino alle piastre arricciacapelli (-24%) o ai droni (-25%), per arrivare all’intramontabile tv (addirittura -40%), gli italiani utilizzano i comparatori per trovare ciò che desiderano ad un prezzo conveniente. I picchi di ricerche si hanno soprattutto all’arrivo di nuovi prodotti sul mercato o in occasioni particolari come nel caso dell’imminente Black Friday.

I più attenti ai soldi si rivelano gli uomini tra i 18 e i 44 anni: sono loro che confrontano i prezzi prima di acquistare e che rappresentano il 70% dell’utenza di Pagomeno, contro il 30% delle donne, più impulsive e meno attente al portafogli.

Nella top 5 dei risparmiatori troviamo i romani (30% dell’utenza Pagomeno), seguiti dai milanesi (26%), dai napoletani (9%), dai torinesi (8%) e infine dai bolognesi (5%). Il giorno preferito per cercare l’oggetto dei desideri, secondo www.pagomeno.it, è il lunedì mentre il picco mensile si ha solitamente dopo il 27, in coincidenza con l’arrivo dello stipendio che porta una maggiore disponibilità.

Lo strumento utilizzato per raccogliere informazioni e per acquistare online è il mobile (sito e app) per il 53% degli italiani – con un picco nel momento del couchsurfing tra le 21.00 e le 22.00 di sera – contro il 47% che lo fanno da desktop – con un picco alle 11.00 e uno alle 16.00 -, un divario che durante il weekend aumenta raggiungendo rispettivamente il 60% contro il 40% e incoronando la domenica come giornata preferita per fare shopping da smartphone o tablet.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

To Top